Pasqua, Qual È il Tipico Menù Pasquale Dei Catanesi?

Cosa Mangiano i Catanesi a Pasqua?

Pasqua si avvicina e a Catania si pensa già a cosa preparare per allestire la tavola del ricco pranzo pasquale. Le famiglie catanesi più tradizionali hanno già le idee chiare e sanno bene cosa prevede il tipico menù di Pasqua, la cui preparazione richiede tempo, serenità, pazienza, ma soprattutto la passione e l'abilità di chi ha a cuore la tradizione culinaria catanese.

Per ogni catanese, Pasqua non è una "festa comandata", è qualcosa di più; è un'occasione per stare in famiglia e per condividere sia la preparazione dei piatti tipici della tradizione, sia soprattutto la loro consumazione: è un momento che mescola sacro e profano, ricco degli appuntamenti della Settimana Santa, di uova di cioccolato da scartare o di colombe da regalare e di allegre rimpatriate, tanto attese da diverso tempo.

Come attese sono le pietanze tipiche che i catanesi mangiano a Pasqua: ecco il ricco menù pasquale catanese tramandato nel tempo dalle famiglie catanesi che ancora oggi amano mettersi ai fornelli per portare in tavola l'autentica tradizione!

Un Primo Pasquale Ricco di Gusto: Pasta Co Sucu D'Agneddu

C'è chi la preferisce co sucu e chi invece no per riservare un posticino nella pancia anche al secondo e al dolce: per tutti però a Pasqua ci vuole la pasta con l'agnello!

Condita o con il ragù di agnello e pomodoro oppure servita "in bianco" con la carne aggrassata, la pasta co sucu è un primo piatto ricco e gustoso, che a Catania sancisce il vero inizio del pranzo pasquale. Molti catanesi lo preparano utilizzando la pasta fresca fatta in casa, mentre molti altri si accontentano di quella pronta del supermercato da cuocere, condire e saltare in padella come tradizione vuole: in ogni caso le dosi non vanno mai rispettate, ma si eccede sempre per riutilizzare il condimento per il secondo!

Secondo Piatto Pasquale: Agneddu Co Sucu o Co Sgrassato?

Visto infatti che a Catania non si butta mai niente, l'agnello utilizzato per condire la pasta verrà consumato come secondo piatto.

Anche in questo caso, si può optare per la versione co sucu, arricchita dal pomodoro e dalle patate, oppure per quella in bianco con l'agnello sgrassatu, accompagnata e insaporita da contorno di piselli e patate. Mentre per il primo si dice "l'agneddu e sucu e finì lu vattiu" per indicare la fine di una festa, da concludersi sempre con un ricco banchetto; per l'agnello aggrassato in bianco si fa riferimento alla sua squisita patina, creata dalla cottura delle patate e degli agli altri aromi, che rendono ricchi di sapore i pezzetti di carne e chiudono la fase "salata" del pranzo di Pasqua!

E infine non può mancare il dolce: scopri qual è il dolce pasquale più amato dai catanesi!

L'Aceddu Cu L'Ova: il Dolce Pasquale Preferito dai Catanesi

Come ogni menù catanese che si rispetti, quello di Pasqua prevede sempre un dolce alla fine (o anche più di uno! Tra uova di cioccolato di ogni tipo e colombe glassate e non, sulle tavole pasquali catanesi non deve mancare l'aceddu cu l'ova, una delle pietanze tipiche più amate a Catania, che ancora oggi si prepara in molte case, come tradizione vuole.

Anche se nel tempo ha assunto varie forme, l'aceddu cu l'ova o cuddura resta comunque il simbolo della pace, della tradizione e delle festività pasquali catanesi; un dolce che arricchisce di gusto il ricco menù di Pasqua, ma anche un regalo che può essere donato a chi si vuole bene e un gesto sincero da condividere per augurare in modo originale una Buona e serena Pasqua!

Siciliana Doc, amante della sua terra, sono laureata in Lettere Moderne e specializzata in Filologia Moderna. Diventata per passione una copywriter e on line editress, da sempre sono appassionata di scrittura, di letteratura, ma soprattutto della Sicilia. Ho collaborato con varie testate giornalistiche locali, che mi hanno permesso di coltivare le mie passioni