Incendi, resta alto il rischio in città

È allarme incendi a Catania, dove da diversi giorni si registrano roghi in varie parti della città.

A porre particolare attenzione al problema è il consigliere del II municipio Andrea Cardello che ha prontamente sollecitato l'Amministrazione comunale ad intervenire per prevenirlo.

Sembra però che il suo intervento non abbia ottenuto i risultati sperati e che dopo aver individuato le aree maggiormente a rischio di Picanello-Ognina-Barriera-Canalicchio e aver sviluppato un documento unico che abbiamo prontamente inviato a Palazzo degli Elefanti "ad oggi non abbiamo avuto nessun tipo di risposta da parte dell’amministrazione centrale mentre aumentano le proteste dei cittadini".

Come specificato dal consigliere Cardello, nelle zone di "viale Lainò, viale Africa, via Anfuso, via Angelo Vasta, via Ruggero Albanese e di molte altre strade ancoranon si può aspettare il mese di luglio, quando le chiamate ai vigili del fuoco arrivano a valanga da tutta la città, per fare qualcosa. Terreni pieni di erbacce secche e sterpaglie alte metri che spesso nascondono anche discariche abusive o ripari realizzati con materiali fortuna dai senza tetto. I residenti della zona sono così costretti per ore a restarsene chiusi in casa in attesa dell’intervento dei mezzi di soccorso"

Pertantoo si richiede un pronto intervento da parte delle autorità competenti affinché le zone vengano completamente bonificare e ripulite dalle sterpaglie a macchia di leopardo e garantire la sicurezza nel II municipio di Catania.

Catanese Doc e amante della sua terra, sono laureata in Lettere Moderne e specializzata in Filologia Moderna. Diventata per passione una copywriter e on line editress, da sempre sono appassionata di scrittura, di letteratura, ma soprattutto della Sicilia. Ho collaborato con varie testate giornalistiche locali, che mi hanno permesso di coltivare le mie passioni