Buono spesa, il Comune di Catania assegna nuove risorse

Prosegue l'erogazione dei Buoni spesa alle famiglie catanesi indigenti che, lo scorso aprile 2020, non hanno ricevuto il beneficio alimentare erogato dal Comune di Catania.

L'Amministrazione comunale catanese sta inviando a 5570 idonei non ancora beneficiari dell’elenco gli sms di informazione della erogazione del buono spesa di 400 euro in generi alimentari acquistabili esibendo la tessera sanitaria negli esercizi già convenzionati.

La delibera della Giunta comunale di ieri 23 dicembre è giunta in tempo per variare il bilancio e l’atto di indirizzo di assegnazione delle risorse al fine di promuovere l’istruttoria e attivare le verifiche della graduatoria redatta in modalità digitale in sinergia con la piattaforma policentrica gestita dall’azienda Etna Hitech e la Ragioneria Generale del Comune.

Le risorse statali introitate lo scorso 16 dicembre serviranno a dare "un sollievo alle fasce più deboli della città e a quanti, pur risultando idonei nella graduatoria dell’aprile scorso, non hanno potuto accedere al beneficio per esaurimento delle risorse" hanno sottolineato il Sindaco Pogliese e l'assessore ai Servizi Sociali Lombardo, evidenziando come "l’oggettiva tempestività sia un segno tangibile della concreta vicinanza dell’Amministrazione Comunale verso quella parte di popolazione catanese che vive in condizione di disagio economico e fortemente provato dall’emergenza epidemiologica".

Lo scorrimento della graduatoria previsto dal decreto legge 154/2020, che assegna le risorse necessarie ammontanti a 2.559.511,62, esaurisce cosi la platea degli idonei al beneficio consentendo complessivamente il soddisfacimento di 12.670 istanze, sulle circa 16.000 domande presentate nell’aprile scorso.

Catanese Doc e amante della sua terra, sono laureata in Lettere Moderne e specializzata in Filologia Moderna. Diventata per passione una copywriter e on line editress, da sempre sono appassionata di scrittura, di letteratura, ma soprattutto della Sicilia. Ho collaborato con varie testate giornalistiche locali, che mi hanno permesso di coltivare le mie passioni