Scomparsa di Agata Scuto: riaperto il caso dopo una segnalazione anonima

Continuano le ricerche di Agata Scuto, la 22enne disabile che, 8 anni fa, è scomparsa da Acireale il 4 giugno 2012 e che non ha lasciato alcuna traccia intorno a sé.

A risvegliare l'attenzione dei media è stata una segnalazione anonima giunta alla redazione del noto format Rai "Chi l'ha visto?" che suggeriva di cercare la ragazza in cantina, visto che "Agata non è mai uscita da quella casa" e che ha spinto le autorità a scavare nel giardino dell'abitazione.

In seguito alla segnalazione, la Procura di Catania ha aperto un fascicolo sul caso e ha inscritto nel registro degli indagati Rosario, l’ex compagno della mamma di Agata, l'unico ad aver segnalato degli avvistamenti.

Al momento della scomparsa della ragazza infatti l'uomo era il convivente della donna e viveva mantenuto dalla pensione di invalidità percepita da Agata e ancora oggi ricevuta dai suoi familiari, gli stessi che hanno ritirato la denuncia di scomparsa.

Ad accusare Rosario è la stessa famiglia di Agata, convinta che l'uomo l'abbia uccisa e ne abbia sotterrato i resti del corpo nel terreno della casa.

Catanese Doc e amante della sua terra, sono laureata in Lettere Moderne e specializzata in Filologia Moderna. Diventata per passione una copywriter e on line editress, da sempre sono appassionata di scrittura, di letteratura, ma soprattutto della Sicilia. Ho collaborato con varie testate giornalistiche locali, che mi hanno permesso di coltivare le mie passioni